VOLONTARIATO SOCIALE E BENE COMUNE

Benedetto XVI nella Caritas in veritate afferma che Stato e mercato non sono sufficienti da soli a creare il bene comune. Occorre una componente di gratuità e di dono che fa parte della società civile. Per questo, Benedetto XVI richiama la Centesimus annus di Giovanni Paolo II che mette in evidenza la necessità, per un autentico sviluppo umano integrale, di un sistema a tre pilastri: il mercato, lo Stato e la società civile.

Nella Caritas in veritate troviamo considerazioni molto interessanti relative al rapporto tra impresa ed etica. Si legge infatti al punto 46 dell’Enciclica che la distinzione finora invalsa tra imprese finalizzate al profitto (profit) e organizzazioni non finalizzate al profitto (non profit) non sia più in grado di dar conto completo della realtà, né di orientare efficacemente il futuro. Non si tratta solo di un “terzo settore”, ma di una nuova ampia realtà composita, che coinvolge il privato e il pubblico e che non esclude il profitto, ma lo considera strumento per realizzare finalità umane e sociali.

Pertanto le imprese profit e non profit, pur avendo finalità diverse, rispondono entrambi alla necessità dell’efficienza economica indicata dal profitto non come fine ma come strumento per l’accumulazione e lo sviluppo e, in definitiva, la costruzione del bene comune.

Riscontriamo qui la grande consonanza tra il pensiero sociale di Giovanni Paolo II e di Benedetto XVI che non demonizzano il profitto ma lo vedono come strumento etico per la misurazione dell’efficienza dell’impresa e per il sostegno ai processi di accumulazione e sviluppo, fatto salvo il rispetto fondamentale della dignità della persona che lavora nell’azienda.

Quando si parla di no profit ci si riferisce a quello che il governo italiano identifica come Terzo Settore, che per definizione si colloca a metà fra Stato e mercato. Del Terzo Settore, chiamato anche non-governativo, fanno parte infatti tutte quelle istituzioni che non operano a scopo di lucro, producendo servizi e beni rivolti all’utilità pubblica.

Una realtà economica a sé stante, quindi, e in costante evoluzione che presenta enti tra loro molto diversificati nella loro struttura, distinti per tipologia, status giuridico e da una vasta gamma di obiettivi.  Si può parlare in generale però di cinque principali tipi di organizzazioni in Italia che operano senza scopo di lucro a fini solidaristici: le organizzazioni non governative, le associazioni di volontariato, le cooperative sociali, le fondazioni ex bancarie e le associazioni di promozione sociale. Nonostante la distinte aree di interesse, le no profit si accomunano per la totale assenza della distribuzione degli utili generati tra i propri soci e l’impiego totale delle proprie risorse per la realizzazione dello scopo indicato nel proprio statuto.

Certo è che in Italia, il settore del no profit continua a crescere. Dai dati dell’Istat del 2018, si contavano in Italia 343.432 istituzioni no profit che impiegavano ben 812.706 dipendenti. Cifre considerevoli soprattutto se si guarda il dato in un’ottica di occupazione e impresa nazionale, da cui si deduce che il 7,8% delle imprese italiane è no profit e che tale settore impiega il 6,9% rispetto ai dipendenti impiegati da tutte le imprese italiane. Tra gli occupati nel settore no profit, il 99% opera principalmente in tre aree: l’assistenza sociale (con un 33,1%), la sanità (23,3%) e l’ambito dell’istruzione e della ricerca. In definitiva, i dati mettono in evidenza che il Terzo Settore rappresenta un mercato occupazionale in notevole crescita, capace di offrire nuovi ruoli e nuove figure.

Anche il governo ha puntato la propria attenzione sul mondo no profit, emanando un decreto legge nel luglio 2014 e finalmente approvato in via definitiva nel 2016, dove si cercano di fissare delle direttive di regolamentazione, riorganizzazione e semplificazione da un punto di vista normativo e fiscale delle realtà no profit. In particolare, il decreto mira a semplificare il procedimento per il riconoscimento della personalità giuridica di tale associazioni, a concedere una maggiore autonomia statutaria e a chiarire le forme e modalità di organizzazione e amministrazione degli enti.

Essere una no profit non significa essere esenti da problemi gestionali e da scadenze fiscali e, in generale, dalla necessità dell’obiettivo dell’efficienza economica. Anzi, spesso gestire diversi progetti, muovere fondi, rimborsare dipendenti e gestire volontari richiede una grande capacità organizzativa. Per questo anche nel settore no profit, come per le piccole e medie imprese, si inizia a parlare di rivoluzione digitale, considerandola un’opportunità per aumentare e controllare i flussi finanziari e per creare lo spazio per nuove emergenti competenze anche nelle realtà della sostenibilità sociale.

Sono già disponibili sul mercato soluzioni di semplificazione e digitalizzazione della gestione fiscale destinate esclusivamente al Terzo Settore, capaci di tenere traccia in tempo reale dei diversi flussi di cassa dell’intera organizzazione e sveltendo la raccolta di dati relativi alle fatture fiscali. E’ un primo passo verso una riforma tecnologica capace di massimizzare i potenziali di ogni associazione, puntando sullo sviluppo di tre leve strategiche del digitale: la possibilità di gestire meglio gli interventi attraverso un monitoraggio più efficace, lo sviluppo di un management più efficace della comunicazione con gli stakeholder e la creazione di una gestione finanziaria più efficace e veloce, con particolare riguardo al fundraising e alla rendicontazione.

 

Roma, 21 gennaio 2020

 

Tags: , , ,

Giovanni Scanagatta

UNITELMA SAPIENZA

Links

  • Scrivimi
  • Privacy Policy
  • Cookie Policy

giovanniscanagatta.it | All rights reserved | by SophiaCoop